Hai bisogno di sapere quanto ti costeranno quest anno seconda e terza rata?Vuoi sapere a quanto ammonteranno le tue tasse per questo anno accademico?

 

Azione Universitaria ha voluto mettere a disposizione degli studenti della D’Annunzio un vero e proprio Calcolatore degli importi delle proprie tasse. Basterà inserire solo alcuni dati ed il sito stabilirà automaticamente l’importo da corrispondere.

 

Se invece hai dubbi sulle tasse universitarie per l’anno accademico 2017/18, vuoi esser certo di tutte le scadenze oppure vuoi semplicemente saperne di più su come funzionano le tasse nella tua università puoi  consultare le FAQ qui sotto per tutti i chiarimenti necessari!

 

 FAQ:

Presso l’Università d’Annunzio le tasse universitarie vengono calcolate in base vari requisiti che lo studente possiede.

I parametri che principalmente influenzano l’importo della propria retta annuale sono:

  • Il reddito: ricavato dall’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) che ogni nucleo familiare può, se vuole, richiedere;
  • Il rendimento accademico: ricavato dai CFU e dalla media di ogni studente (dal voto di diploma per le matricole).

Le tasse hanno delle scadenze sostanzialmente fisse per tutti gli studenti, che per l’anno 2017/18 sono:

  • I^ RATA, contestuale alla conferma di iscrizione: 6 novembre 2017*
  • II ^ RATA: 28 febbraio 2018
  • III ^ RATA: 30 aprile 2018

La I Rata sarà sempre uguale per tutti gli studenti, pari ad € 156,00 poiché composta dalla tassa regionale per il diritto allo studio (€ 140) più le marche da bollo virtuali per la certificazione dei documenti per l’immatricolazione/iscrizione ad anni successivi (€ 14,00).
II e III Rata varieranno in base ai criteri di reddito e rendimento accademico descritti poco sopra.

Ogni studente può, dalla propria pagina personale procedere al pagamento delle proprie tasse sia in maniera telematica (con una qualsiasi carta di debito/credito), sia stampando il bollettino di pagamento che sarà automaticamente precompilato con i propri dati e l’importo dovuto.

Ricordiamo che in caso di pagamento mediante bollettino saranno necessari dai 3 ai 6 giorni lavorativi per l’accredito del pagamento.

*(per il corso di Medicina e Chirurgia la scadenza della prima rata è anticipata al 16 Ottobre per consentire lo scorrimento delle graduatorie nazionali )

La nostra Università, come detto, attribuisce queste scontistiche a seconda della propria fascia di reddito ed a seconda del numero di CFU maturati nell’ultimo anno o, per le matricole, del voto di diploma.

Queste scontistiche sono dette riduzioni. Esse si suddividono in riduzioni per merito e riduzioni per reddito.

 

  • Riduzioni per merito: quelle determinate dai propri CFU. Ad ogni anno di corso corrisponde un numero di CFU da maturare per aver diritto alle riduzioni. Ad esempio, per tutte le lauree (escluse le professioni sanitarie), gli studenti che si iscrivono al secondo anno, dovranno aver maturato almeno 10 CFU, quelli che invece si iscrivono al terzo, dovranno aver maturato almeno 25 CFU
  • Riduzioni per reddito: quelle determinate dal proprio reddito. Esistono varie fasce di reddito alle quali è attribuito un incremento proporzionale dell’importo della retta annuale. Le fasce sono 8, vanno da 0 a 75.000 € (con riferimento al proprio ISEE) ed esse scattano ogni 10.000 € (Es. 0-15.000 per la prima fascia, 15.001-25.000 per la seconda e cosi via).

Entrambe le riduzioni sono cumulabili ed uno studente può avere più riduzioni contemporaneamente.

Esistono inoltre riduzioni speciali, riservate a studenti con basso reddito (0-15.000) o con crediti e media molto alti (il doppio dei crediti previsti normalmente + media superiore al 28). Se pensi di rientrare in queste condizioni leggi la FAQ dedicata qui di seguito: “ALTO MERITO E NO TAX AREA, COSA SONO? COME VI SI ACCEDE?”

Le riduzioni per reddito vengono calcolate sulla base del proprio ISEE.

E’ premura dello studente richiedere il proprio ISEE al CAF (Centro di Assistenza Fiscale), al proprio commercialista o a un qualsiasi ente preposto a rilasciarlo entro i termini previsti dall’Università d’Annunzio per l’accesso alle riduzioni riservate.

Una volta richiesto il proprio ISEE lo studente non dovrà consegnare nulla in Segreteria, né confermare alcun passaggio dalla propria pagina personale. Tutto avverrà in maniera automatica.

Difatti sulla base di una convenzione stipulata con l’INPS la nostra Università è in grado di collegarsi direttamente alla banca dati dell’Istituto e di acquisire in via informatica l’indicatore in questione senza necessità di altra conferma o consegna di modulo da parte dello studente in Ateneo. Questo poiché all’atto dell’immatricolazione (o del rinnovo dell’iscrizione) lo studente autorizza automaticamente l’Ateneo a prelevare i propri dati ISEE dalla Banca Dati Inps.

Nel caso in cui lo studente non abbia fatto richiesta entro il 29 Dicembre 2017 di Dichiarazione ISEE, esso verrà automaticamente attribuito all’ultima fascia di reddito.

L’Isee,è  l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è uno strumento con il quale ogni famiglia può richiedere particolari sgravi o incentivazioni economiche (Es. riduzioni su tasse universitarie, esonero dal pagamento di tasse comunali, accesso a borse di studio ecc.)  Viene calcolato con riferimento al nucleo familiare del richiedente e sulla base delle informazioni raccolte con il modello Dsu (dichiarazione sostitutiva unica) e delle altre informazioni disponibili negli archivi dell’Inps e dell’agenzia delle Entrate.

Ogni ISEE dunque, fa riferimento al numero di componenti della famiglia ed alla Dsu.

Esso si richiede presso il CAF (Centro di Assistenza Fiscale), presso il proprio commercialista, presso il Comune di residenza o in qualsiasi altro ente abilitato al rilascio. All’atto della richiesta sono necessari dei tempi tecnici per il rilascio (di solito circa 15 giorni), al termine dei quali, al richiedente viene rilasciata una copia in forma cartacea del proprio indicatore economico.

L’ISEE è sempre relativo alla situazione fiscale dell’anno precedente, essendo appunto calcolato sulla Dsu di un nucleo fiscale (Es. un  ISEE richiesto entro l’anno 2017 sarà calcolato sulla situazione fiscale dell’anno 2016)

Relativamente all’anno accademico 2017/18 ed a ciò che riguarda l’Università d’Annunzio quindi:

  • L’Ateneo ha un protocollo d’intesa con l’INPS, (l’Istituto presso il quale  vengono registrate tutte le richieste ISEE effettuate in Italia) che gli permette di farsi comunicare automaticamente l’ISEE di ogni suo iscritto. Non serviranno consegne in forma cartacea o conferme sulla propria pagina virtuale.
  • L’unico adempimento per ogni studente iscritto sarà quello di far richiesta di ISEE 2017 (relativo alla situazione economica del 2016) entro il 29 Dicembre 2017. La richiesta va effettuata presso un CAF, presso un commercialista o un qualsiasi ente di fiducia del richiedente.

Esistono, oltre all’ ISEE, anche l’ ISE e l’ISEEU, che differiscono dall’ISEE poiché calcolate mediante altre variabili e necessari per specifici tipi di richieste. Essi, non sono tuttavia all’ottenimento delle riduzioni presso la nostra università. E’ sufficiente, per gli studenti iscritti presso la d’Annunzio, il solo ISEE.

 

Ancora dubbi?

Maggiori informazioni sono reperibili sul sito INPS al seguente link https://servizi2.inps.it/servizi/iseeriforma/home.aspx.

La legge di stabilità 2016 ha istituito la cosiddetta “No Tax Area”.

Mediante disposizioni  ministeriali, tutti gli studenti che ricadranno in una fascia di reddito che va da 0 a 15.000 euro, saranno esonerati dal pagamento delle tasse universitarie (fatta eccezione per la tassa regionale per il diritto allo studio e le imposte di bollo).

L’università d’Annunzio ha tuttavia deciso di estendere questo diritto anche agli studenti particolarmente meritevoli, per cui, dall’ anno accademico 2017/18, tutti le matricole con voto di diploma 100/100 e tutti gli studenti che avranno:

  • per gli iscritti al secondo anno (escluse le professioni sanitarie): almeno 25 CFU maturati nell’ultimo anno  e media di almeno 28/30
  • per gli iscritti dal terzo anno in poi sino al primo fuori corso: almeno 50 CFU maturati nell’ultimo anno e media di almeno 28/30

saranno esonerati dal pagamento delle tasse universitarie (fatta eccezione per la tassa regionale per il diritto allo studio e le imposte di bollo).

 

Quanto pagheranno dunque gli studenti che ricadono in una di queste due categorie? Solo i 156 euro della Prima Rata.

Gli studenti che hanno effettuato rinuncia agli studi, trasferimento o passaggio di corso, possono comunque godere di tutte le riduzioni previste dall’Università d’Annunzio, a patto che rispettino alcune prerogative.

Riduzioni per reddito: esse saranno concesse senza problemi, indipendentemente da precedenti carriere o rinunce/decadimenti.

Riduzioni per merito: Esse sono concesse, purché:

  • In caso di trasferimento da altra Università o passaggio di corso:   l’attribuzione delle riduzioni è accordata dall’anno accademico successivo al passaggio/trasferimento, a patto che, naturalmente, ne sussistano le condizioni di merito richieste.
  • In caso di immatricolazione a seguito di rinuncia o decadimento: l’attribuzione delle riduzioni è concessa a patto che lo studente non abbia richiesto abbreviazioni del nuovo percorso di studi (riconoscimento di CFU) e purché abbia rinunciato/sia decaduto al massimo una volta.  Qualora lo studente invece benefici di abbreviazione del percorso di studi a seguito del riconoscimento di CFU, le eventuali riduzioni sono concessea partire dall’anno accademico successivo a quello di nuova immatricolazione.

Per gli studenti fuori corso, entro i primi due anni, gli studenti avranno tasse leggermente più basse, poiché l’Ateneo tende ad incentivare il recupero degli studenti in posizione di lieve fuori corso.

Per gli studenti dal terzo anno di fuori corso in poi le rette annuali sono invece ampiamente maggiorate, poiché essi si considerano in posizione di lungo fuori corso.

Tuttavia, al fine di incentivare il recupero di questi studenti, gli studenti considerati come studenti attivi, che abbiano cioè conseguito almeno 10 CFU nell’ultimo anno, hanno diritto comunque a delle riduzioni sull’importo delle tasse.

Gli studenti fuori corso hanno naturalmente anch’essi diritto a riduzioni proporzionali alla fascia di reddito alla quale risultano appartenenti. Essi hanno anche diritto alla “No Tax Area” eccezion fatta per gli studenti dal terzo anno fuori corso in poi.

Gli studenti che abbiano sostenuto tutti gli esami previsti nel proprio piano di studi e siano pertanto in debito del solo esame di laurea possono rinnovare l’iscrizione per l’A.A. 2017/2018 contestualmente alla presentazione della domanda del predetto esame di laurea.
Tali studenti sono tenuti a corrispondere per l’A.A. 2017/2018 la 1^ e 2^ rata di iscrizione senza l’aggiunta di alcun contributo di mora.
In caso di mancato conseguimento del titolo entro la sessione straordinaria di laurea dell’A.A. 2017/2018, gli studenti fruitori del beneficio saranno invece tenuti a corrispondere – entro 10 giorni dalla conclusione della  sessione straordinaria di laurea anche la 3^ rata di iscrizione riferita all’A.A. 2017/2018 oltre la 1^ e 2^ rata di iscrizione relative all’A.A. 2018/2019 senza l’aggiunta di alcun contributo di mora.

Gli studenti che ricadano in condizione di disabilità superiore al 66%, sono esonerati dal pagamento delle tasse, così come previsto dalla normativa vigente, purché abbiano consegnato opportuna certificazione.

Gli studenti con disabilità da il 33% ed il 66% sono invece esonerati dal pagamento del 50% dell’importo tradizionale, purché abbiano consegnato opportuna certificazione.

Gli studenti lavoratori in possesso di regolare contratto, possono far richiesta di iscrizione in regime part-time. Per gli studenti iscritti in regime part-time il  merito viene calcolato dimezzando il numero di crediti di riferimento mantenendo però invariata la votazione media richiesta.
Ai fini dell’iscrizione, si intende studente lavoratore chi abbia maturato almeno un semestre di attività lavorativa dipendente o autonoma (debitamente documentata nei modi di legge) rispetto al termine ultimo della regolare iscrizione (senza mora) prevista per i corsi di studio.

Per gli studenti iscritti in corso ad uno dei Corsi di Laurea dell’Università d’Annunzio che abbiano nel proprio nucleo familiare un fratello o una sorella, di età non superiore a 26 anni (non deve aver compiuto il 27° anno di età alla data del 6 novembre 2017) a loro volta iscritti ai predetti Corsi di Studio presso questa o altra Università della Regione Abruzzo, è prevista una riduzione di € 150,00 rispetto all’importo fissato per la terza rata di iscrizione all’anno accademico 2017/2018. Tale riduzione viene concessa consegnando entro  il 31 gennaio 2018 apposito modulo compilato presso la segreteria studenti. Il modulo è disponibile al seguente link: QUI:

Qui di seguito trovi una tabella riepilogativa delle altre tipologie di pagamenti nei quali uno studente può incappare. Ti ricordiamo che anche per queste voci è possibile il pagamento online e la precompilazione delle stesse dalla propria pagina personale.

Tutte le informazioni contenute in questa pagina FAQ, ulteriori specifiche e chiarimenti normativi sono contenute nell’ Allegato 1 del “Manifesto Generale degli Studi 2017/18”.

Questo allegato si chiama “Disciplina Sistema Contributivo Corsi di Laurea e Laurea Magistrale“, esso è valido per l’anno accademico 2017/2018 ed è consultabile e scaricabile QUI