Il “Progetto Erasmus” è un programma di mobilità studentesca attivo in Europa da ormai quasi trent’anni.

Esso dà la possibilità agli studenti di effettuare dei periodi di studio all’estero (solitamente semestri), legalmente riconosciuti, in tutti i Paesi dell’Unione Europea ed in molti paesi convenzionati. Il periodo di studio all’estero sarà sovvenzionato da appositi sussidi economici messi a disposizione dall’Unione Europea per i progetti di mobilità internazionale.

Dal 2014, sotto il nome di Erasmus+ si sono unificati tutti i vari progetti di mobilità internazionale previsti dall’Unione Europea, così da semplificare l’accesso per gli utenti ai servizi Erasmus. Da qualche anno quindi, con la dicitura Erasmus+, si indicano tutti i vari sussidi previsti per la mobilità internazionale, non solo quelli riservati agli studenti, ma anche quelli relativi ad esempio al post-lauream.

Anche per gli studenti quindi il Bando si chiamerà “Erasmus+”.

Possono partecipare al Programma Erasmus+ gli studenti dell’Università regolarmente iscritti al momento della presentazione della candidatura. A seconda del tuo percorso di studio, il Bando prevedrà vari livelli:

I livello: studenti della laurea triennale

II livello studenti della laurea magistrale(specialistica)/magistrale a ciclo unico

III livello– dottorandi

Di norma, entro il mese di febbraio viene pubblicato dall’Università il Bando Erasmus (da qualche anno, come detto, denominato Erasmus+) che consente di conoscere tutte le modalità di partecipazione alla selezione per la mobilità internazionale, importi delle borse, mete disponibili e criteri di calcolo delle graduatorie.

Per poter partecipare è necessario compilare on-line l’apposita domanda di candidatura, disponibile a partire dalla pubblicazione del Bando per l’anno accademico in corso, nella propria pagina personale (sul Portale di Ateneo) alla voce “Mobilità Internazionale – Bandi di Mobilità”.

Dal giorno di pubblicazione del Bando (compariranno avvisi sulla home page del sito e sui nostri profili ufficiali) si hanno trenta giorni di tempo per presentare domanda di partecipazione.

Le mete disponibili per l’Erasmus sono determinate da apposite convenzioni stipulate dal proprio Dipartimento con i Dipartimenti/Facoltà degli altri Atenei d’Europa. Non si può pertanto andare in un qualsiasi università straniera, ma esclusivamente in quelle convenzionate con il nostro Dipartimento. Trovi l’elenco delle mete disponibili per il tuo Corso di Laurea a questo ( https://www.unich.it/node/8134) indirizzo

Per dare validità al proprio soggiorno Erasmus, la permanenza dovrà avere durata minima di 3 mesi, durata massima di 12. A seconda della meta indicata e della tipologia di convenzione stipolata tra le università, per ogni meta vi sarà un periodo massimo di soggiorno effettuabile, indicato nell’apposito elenco delle mete convenzionate per il tuo Dipartimento.

Attività consentite:

– frequentare corsi e sostenerne i relativi esami presso l’Ateneo ospitante;

– svolgere, presso l’Ateneo ospitante, attività finalizzate alla stesura della tesi di laurea;

– svolgere presso la sede ospitante un periodo di tirocinio combinato ad un periodo di

studio. Il tirocinio deve essere svolto sotto la supervisione della stessa Università

ospitante dove lo studente realizzerà il periodo di studio. Le due attività devono essere

svolte in maniera consecutiva.

Attività che non possono essere realizzate durante il periodo erasmus:

– seguire corsi e sostenere esami presso l’Università “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara.

– Conseguire la laurea durante il periodo Erasmus.

Per poter partecipare al progetto Erasmus è essenziale la certificazione di opportune competenze linguistiche, attestate da certificazioni linguistiche riconosciute dal M.I.U.R. quali ad esempio: TOEFL, IELTS, Cambridge, DELF, PLE, ecc.

Qualora non si sia in possesso di attestati di competenza linguistica, l’università ti sottoporrà ad un colloquio per valutare le tue competenze linguistiche, in una data indicata nel Bando.

In caso non si presenti né un certificato di competenza linguistica, né ci si presenti al colloquio, si verrà esclusi dalla partecipazione al Bando.

Allegati al Bando di partecipazione troverai i criteri di calcolo della graduatoria.

Essa segue un sistema ben preciso, tenendo conto di tutti gli esami sostenuti entro la data di pubblicazione del Bando. La formula correntemente applicata per la stipula delle graduatorie è:

per gli studenti iscritti al CdL di Medicina e Chirurgia il calcolo del punteggio finale viene calcolato:

PUNTEGGIO= 2*Media + R

 

Le graduatorie sono definite per ogni corso di Laurea.

Nell’elenco delle destinazioni Erasmus puoi trovare tutte le informazioni relative al Corso presso il quale frequenterai durante il soggiorno all’estero. Per far sì che gli esami da te sostenuti all’estero abbiano validità devi accertarti che il numero di CFU non sia inferiore rispetto a quelli previsti dal tuo Ateneo e che i piani di studio coincidano.

Una volta scelti gli esami da poter sostenere all’estero dovrai compilare un apposito Piano di Studi indicando gli esami che si ha intenzione di sostenere durante il soggiorno.

Presta molta attenzione durante questa fase e ricorda che per ogni Dipartimento vi è un Professore delegato ai rapporti Erasmus che puoi consultare se hai dubbi. L’elenco dei docenti delegati è disponibile qui:

https://www.unich.it/didattica/studiare-allestero/docenti-delegati

Il finanziamento erogato agli studenti in Erasmus varia a seconda di fasce opportunamente stabilite dall’Unione Europea ed ammonta ad un pocket money mensile diverso a seconda del paese ospitante:

Gruppo 1 (costo della vita ALTO): Euro 280,00 (max)Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Lichtenstein, Norvegia, Svezia, Regno Unito;

Gruppo 2 (costo della vita MEDIO):Euro 230,00 (max) Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Cipro, Germania, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna, Turchia.

Gruppo 3 (costo della vita BASSO):Euro 230,00 (max) Bulgaria, Estonia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Malta, Polonia, Romania, Slovacchia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia.

 

Possono essere previste integrazioni di queste borse, stanziate dall’Università, che vengono annualmente comunicate all’atto della pubblicazione del Bando.

Lo studente che risulterà vincitore, ritrovandosi all’interno della graduatoria degli studenti idonei dovrà:

-accettare la condizione di “studente Erasmus” (che impone di frequentare e sostenere esami nella sede estera);

Dal momento in cui viene inoltrata l’accettazione dello status di Erasmus, lo studente vincitore deve avviare le procedure di iscrizione (application form) presso l’Università ospitante.

-Lo studente è tenuto ad inoltrare l’application form per la propria iscrizione all’Università ospitante (v. art. 12), consultando il sito web dello stesso Ateneo;

– Il vincitore, qualora intenda concorrere per l’eventuale integrazione regionale della borsa Erasmus, dovrà provvedere autonomamente all’iscrizione all’anagrafe studenti (per l’a.a.2017/2018) presso l’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario (ADSU), entro i termini stabiliti dall’ADSU stessa. In caso di mancata iscrizione lo studente non potrà concorrere all’assegnazione del contributo integrativo regionale.

– In caso di documentata impossibilità ad effettuare il soggiorno presso l’Università ospitante, lo studente dovrà comunicare entro un mese dalla data della firma del contratto la rinuncia a partecipare al programma. Tale comunicazione dovrà essere indirizzata al Settore Relazioni Internazionali e, per conoscenza, al Delegato Erasmus di Dipartimento.

– Il vincitore dovrà effettuare per intero il soggiorno all’estero, almeno fino al numero minimo di mesi finanziati dall’UE (art. 6 del presente bando).

– non costituisce giustificato motivo per la rinuncia, la mancata assistenza nel reperimento di alloggio da parte della Università ospitante e, soprattutto, nel caso in cui lo studente non abbia rispettato i termini previsti dalla Università ospitante per la richiesta di assistenza.

E’ importante seguire scrupolosamente tutto quanto indicato nel bando Erasmus, al fine di non incappare in esclusioni dal soggiorno Erasmus! VI invitiamo a leggere scrupolosamente il bando.

Si. Trovi tutte le informazioni relative alla Mobilita Internazionale e tutti i contatti del Settore Relazioni Internazionali e Mobilità Studenti al link: https://www.unich.it/didattica/studiare-allestero

  • SONO UNO STUDENTE APPENA ARRIVATO. HO SENTITO PARLARE DI ERASMUS MA NON HO IDEA DI COSA SIA, COS’E’?

    Il “Progetto Erasmus” è un programma di mobilità studentesca attivo in Europa da ormai quasi trent’anni.
    Esso dà la possibilità agli studenti di effettuare dei periodi di studio all’estero (solitamente semestri), legalmente riconosciuti, in tutti i Paesi dell’Unione Europea ed in molti paesi convenzionati. Il periodo di studio all’estero sarà sovvenzionato da appositi sussidi economici messi a disposizione dall’Unione Europea per i progetti di mobilità internazionale.

  • QUAL E’ LA DIFFERENZA TRA ERASMUS ED ERASMUS+?

    Dal 2014, sotto il nome di Erasmus+ si sono unificati tutti i vari progetti di mobilità internazionale previsti dall’Unione Europea, così da semplificare l’accesso per gli utenti ai servizi Erasmus. Da qualche anno quindi, con la dicitura Erasmus+, si indicano tutti i vari sussidi previsti per la mobilità internazionale, non solo quelli riservati agli studenti, ma anche quelli relativi ad esempio al post-lauream.
    Anche per gli studenti quindi il Bando si chiamerà “Erasmus+”.

  • CHI PUO’ PARTECIPARE?

    Possono partecipare al Programma Erasmus+ gli studenti dell’Università regolarmente iscritti al momento della presentazione della candidatura. A seconda del tuo percorso di studio, il Bando prevedrà vari livelli:

    I livello: studenti della laurea triennale

    II livello studenti della laurea magistrale(specialistica)/magistrale a ciclo unico

    III livello– dottorandi.

  • COME SI PARTECIPA AL BANDO PER LA MOBILITA’ ERASMUS? QUANTO TEMPO HO PER PRESENTARE DOMANDA?

    Di norma, entro il mese di febbraio viene pubblicato dall’Università il Bando Erasmus (da qualche anno, come detto, denominato Erasmus+) che consente di conoscere tutte le modalità di partecipazione alla selezione per la mobilità internazionale, importi delle borse, mete disponibili e criteri di calcolo delle graduatorie.

    Per poter partecipare è necessario compilare on-line l’apposita domanda di candidatura, disponibile a partire dalla pubblicazione del Bando per l’anno accademico in corso, nella propria pagina personale (sul Portale di Ateneo) alla voce “Mobilità Internazionale – Bandi di Mobilità”.

    Dal giorno di pubblicazione del Bando (compariranno avvisi sulla home page del sito e sui nostri profili ufficiali) si hanno trenta giorni di tempo per presentare domanda di partecipazione.

  • HO LETTO CHE IL PROGETTO RIGUARDA TUTTA L’UNIONE EUROPEA. POSSO SCEGLIERE IO DOVE ANDARE? QUALI METE SONO DISPONIBILI?

    Le mete disponibili per l’Erasmus sono determinate da apposite convenzioni stipulate dal proprio Dipartimento con i Dipartimenti/Facoltà degli altri Atenei d’Europa. Non si può pertanto andare in un qualsiasi università straniera, ma esclusivamente in quelle convenzionate con il nostro Dipartimento. Trovi l’elenco delle mete disponibili per il tuo Corso di Laurea a questo ( https://www.unich.it/node/8134) indirizzo

  • QUANTO DURA LA PERMANENZA ALL’ESTERO?

    Per dare validità al proprio soggiorno Erasmus, la permanenza dovrà avere durata minima di 3 mesi, durata massima di 12. A seconda della meta indicata e della tipologia di convenzione stipolata tra le università, per ogni meta vi sarà un periodo massimo di soggiorno effettuabile, indicato nell’apposito elenco delle mete convenzionate per il tuo Dipartimento.

  • COSA POSSO FARE DURANTE IL MIO PERIODO DI ERASMUS?

    Attività consentite:

    – frequentare corsi e sostenerne i relativi esami presso l’Ateneo ospitante;

    – svolgere, presso l’Ateneo ospitante, attività finalizzate alla stesura della tesi di laurea;

    – svolgere presso la sede ospitante un periodo di tirocinio combinato ad un periodo di

    studio. Il tirocinio deve essere svolto sotto la supervisione della stessa Università

    ospitante dove lo studente realizzerà il periodo di studio. Le due attività devono essere

    svolte in maniera consecutiva.

    Attività che non possono essere realizzate durante il periodo erasmus:

    – seguire corsi e sostenere esami presso l’Università “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara.

    – Conseguire la laurea durante il periodo Erasmus.

  • VOGLIO ANDARE IN ERASMUS MA NON CONOSCO LA LINGUA INGLESE O QUELLA DEL PAESE DI DESTINAZIONE. POSSO FARE COMUNQUE DOMANDA?

    Per poter partecipare al progetto Erasmus è essenziale la certificazione di opportune competenze linguistiche, attestate da certificazioni linguistiche riconosciute dal M.I.U.R. quali ad esempio: TOEFL, IELTS, Cambridge, DELF, PLE, ecc.

    Qualora non si sia in possesso di attestati di competenza linguistica, l’università ti sottoporrà ad un colloquio per valutare le tue competenze linguistiche, in una data indicata nel Bando.

    In caso non si presenti né un certificato di competenza linguistica, né ci si presenti al colloquio, si verrà esclusi dalla partecipazione al Bando.

  • QUALI SONO I CRITERI CON I QUALI VIENE STILATA LA GRADUATORIA?

    Allegati al Bando di partecipazione troverai i criteri di calcolo della graduatoria.

    Essa segue un sistema ben preciso, tenendo conto di tutti gli esami sostenuti entro la data di pubblicazione del Bando. La formula correntemente applicata per la stipula delle graduatorie è:

    per gli studenti iscritti al CdL di Medicina e Chirurgia il calcolo del punteggio finale viene calcolato:

    PUNTEGGIO= 2*Media + R

     

    Le graduatorie sono definite per ogni corso di Laurea.

  • HO INTENZIONE DI PRESENTARE DOMANDA. GLI ESAMI CHE SOSTENGO ALL’ESTERO MI SARANNO RICONOSCIUTI? COME FACCIO AD EVITARE DI SOSTENERE ESAMI NON RICONOSCIUTI IN ITALIA?

    Nell’elenco delle destinazioni Erasmus puoi trovare tutte le informazioni relative al Corso presso il quale frequenterai durante il soggiorno all’estero. Per far sì che gli esami da te sostenuti all’estero abbiano validità devi accertarti che il numero di CFU non sia inferiore rispetto a quelli previsti dal tuo Ateneo e che i piani di studio coincidano.

    Una volta scelti gli esami da poter sostenere all’estero dovrai compilare un apposito Piano di Studi indicando gli esami che si ha intenzione di sostenere durante il soggiorno.

    Presta molta attenzione durante questa fase e ricorda che per ogni Dipartimento vi è un Professore delegato ai rapporti Erasmus che puoi consultare se hai dubbi. L’elenco dei docenti delegati è disponibile qui:

    https://www.unich.it/didattica/studiare-allestero/docenti-delegati

  • QUALI SONO GLI IMPORTI DELLE BORSE DI STUDIO RICONOSCIUTE AD OGNI STUDENTE?

    Il finanziamento erogato agli studenti in Erasmus varia a seconda di fasce opportunamente stabilite dall’Unione Europea ed ammonta ad un pocket money mensile diverso a seconda del paese ospitante:

    Gruppo 1 (costo della vita ALTO): Euro 280,00 (max)Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Lichtenstein, Norvegia, Svezia, Regno Unito;

    Gruppo 2 (costo della vita MEDIO):Euro 230,00 (max) Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Cipro, Germania, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna, Turchia.

    Gruppo 3 (costo della vita BASSO):Euro 230,00 (max) Bulgaria, Estonia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Malta, Polonia, Romania, Slovacchia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia.

     

    Possono essere previste integrazioni di queste borse, stanziate dall’Università, che vengono annualmente comunicate all’atto della pubblicazione del Bando.

  • HO FATTO DOMANDA ERASMUS E SONO RISULTATO VINCITORE. COSA DEVO FARE?

    Lo studente che risulterà vincitore, ritrovandosi all’interno della graduatoria degli studenti idonei dovrà:

    -accettare la condizione di “studente Erasmus” (che impone di frequentare e sostenere esami nella sede estera);

    Dal momento in cui viene inoltrata l’accettazione dello status di Erasmus, lo studente vincitore deve avviare le procedure di iscrizione (application form) presso l’Università ospitante.

    -Lo studente è tenuto ad inoltrare l’application form per la propria iscrizione all’Università ospitante (v. art. 12), consultando il sito web dello stesso Ateneo;

    – Il vincitore, qualora intenda concorrere per l’eventuale integrazione regionale della borsa Erasmus, dovrà provvedere autonomamente all’iscrizione all’anagrafe studenti (per l’a.a.2017/2018) presso l’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario (ADSU), entro i termini stabiliti dall’ADSU stessa. In caso di mancata iscrizione lo studente non potrà concorrere all’assegnazione del contributo integrativo regionale.

    – In caso di documentata impossibilità ad effettuare il soggiorno presso l’Università ospitante, lo studente dovrà comunicare entro un mese dalla data della firma del contratto la rinuncia a partecipare al programma. Tale comunicazione dovrà essere indirizzata al Settore Relazioni Internazionali e, per conoscenza, al Delegato Erasmus di Dipartimento.

    – Il vincitore dovrà effettuare per intero il soggiorno all’estero, almeno fino al numero minimo di mesi finanziati dall’UE (art. 6 del presente bando).

    – non costituisce giustificato motivo per la rinuncia, la mancata assistenza nel reperimento di alloggio da parte della Università ospitante e, soprattutto, nel caso in cui lo studente non abbia rispettato i termini previsti dalla Università ospitante per la richiesta di assistenza.

    E’ importante seguire scrupolosamente tutto quanto indicato nel bando Erasmus, al fine di non incappare in esclusioni dal soggiorno Erasmus! VI invitiamo a leggere scrupolosamente il bando.

  • HO ANCORA DEI DUBBI. ESISTE UNO SPORTELLO ERASMUS NEL NOSTRO ATENEO?

    Si. Trovi tutte le informazioni relative alla Mobilita Internazionale e tutti i contatti del Settore Relazioni Internazionali e Mobilità Studenti al link: https://www.unich.it/didattica/studiare-allestero